PostHeaderIcon Ultime

AddThis Social Bookmark Button

ATTENZIONE

Mercoledi 29 dicembre 2010 su TRS ore 10,00 puntata di fine anno della trasmissione radiofonica il "ROMPISCATOLE" ospiti in studio in diretta il Presidente di TRS Dr.Nucci Piro e l'ex sindaco di Sciacca Dr. Mario Turturici per i commenti vari e gli Auguri di fine anno. E per inaugurare il 2011 Domenica  2 gennaio 2011 andrà in onda la replica della trasmissione sempre alle ore 10,00.

Buon ascolto e ricordiamo che la trasmissione sarà anche visibile on line.

********************************************************************************************

Ultima notizia: Dopo un lungo silenzio è tornato a scrivere Frà Diavolo, per leggere quanto da lui scritto, clikkate sul pulsantino con la scritta Fra Diavolo Forum posto sulla destra e poi andate in "politica cittadina".

 

Ma Vito Bono l’ha capito che è il Sindaco di ”tutta “ Sciacca e non solo della sua parte politica ?

 LA DELIBERA DELLA VERGOGNA !!!!!

Questi l'hanno firmata !!!

Vito Bono

               Alberto Sabella         Vincenzo Fazio          Fabio Leonte

Noi Saccensi orgogliosi di essere Meridionali, Noi NON comunisti, Noi Uomini liberi da vincoli e tessere rosse ci ricorderemo di loro in campagna elettorale !

************************************

 Questi si son rifiutati di farlo.

Gianfranco Vecchio  Michele Ferrara     Carmelo Brunetto

Grazie a nome di Noi Saccensi che non abbiamo portato il cervello all'ammasso, di Noi che non abbiamo barattato la dignità e l'onore per una tessera rossa di partito, grazie infine da tutti i Saccensi che, aprendo gli occhi, hanno finalmente capito che "tipo" di sindaco hanno eletto.                            Un GRAZIE DI CUORE anche agli Ex Assessori cacciati da questo "sindaco" Turturici Antonino e Giuseppe Montalbano co-firmatari della delibera n°88.

************************************************   

Con questa delibera, Vito Bono, ha perso la faccia e non solo quella, sindaco di un solo gruppo di cittadini, è riuscito persino a sconfessare se stesso, rimangiandosi una delibera da lui stesso approvata e firmata e intimando poi ai suoi Assessori (per far contenti gli ex comunisti), di firmare l’atto di morte (*) del Belvedere Maria Sophia, facendo fare una meschina figura in primis a se stesso, poi alla sua stessa Giunta ed anche alla Commissione Toponomastica che avevano firmato all’unanimità la delibera n° 88.

Che la giunta Bono sia spaccata in due lo si evince dal numero dei firmatari della delibera di revoca. Infatti ben 3 assessori su 6 son risultati assenti, ma so di preciso, invece, che si son rifiutati di controfirmare una delibera chiaramente “vergognosa” e che firmandola, avrebbero macchiato l’onestà intellettuale, culturale e personale che li contradistingue. Quindi il mio ringraziamento va al Vicesindaco Avv. Carmelo Brunetto, all'Assessore Avv. Gianfranco Vecchio e all'Assessore Arch. Michele Ferrara, i quali, nonostante siano stati politicamente aspramente criticati dal sottoscritto, hanno reputato la loro dignità di Uomini e di validi Professionisti, primaria rispetto a critiche politiche cha fanno parte della loro vita politica e fatte, di contro, da chi segue attentamente la politica della città.

Ci potrà essere anche qualche Vostra smentita a quanto su esposto, ma non preoccupatevi "Onorevoli" Assessori, avendo visto il "vero" volto di Vito Bono, capiremo !!!!!!!!! Come tutta la città ha capito che errore madornale ha fatto votando ed eleggendo un siffatto personaggio.

Per il sindaco (s minuscola intenzionale) e per gli altri 3 assessori che si sono piegati al diktat di Vito Bono (salvando così il 27 del mese) non ho parole, chiedo solo a chi aveva firmato la n° 88 come abbia potuto rimangiarsela senza rimetterci la faccia, la dignità il decoro, la credibilità e l'onore.

Ovviamente questo VERGOGNOSO atto di prepotenza farà il “giro del mondo” tramite i CDS international, per far vedere agli Italiani di tutto il mondo che "grande" sindaco abbiamo a Sciacca e che al giorno d’oggi, probabilmente i comunisti non mangiando più i bambini come si diceva un tempo, oggi si son mangiati la Cultura, la Storia del nostro Sud ed anche……… la loro dignità ed il loro onore.

Oggi la Storia del Sud ha perso un’altra battaglia, ma non la guerra, perché la guerra “non” contro i comunisti in genere, ma contro QUESTI comunisti mascherati da Democratici continua, eccome se continua.

Vito Bono potrà provare a spezzarmi, date le sue floride condizioni economiche (**), ma se pensa di piegarmi ha sbagliato completamente indirizzo e persona.

Si rassegni Vito Bono quello slargo lo intitoli pure a qualche suo idolo, Stalin,  Che Guevara, Mao, Pol Pot, Idi Amin ed altri galantuomini simpatici a lui ed ai comunisti, ma alla prossima amministrazione culturalmente onesta, il Belvedere, da me inventato, tornerà alla legittima intestataria come recita la delibera n° 88 pavidamente revocata.

Pino Marinelli

(*) morte apparente, risorgerà !!!

(**) Qualche agguerrito Avvocato pronto a difendermi gratuitamente, solo per il gusto di sconfiggerla, lo trovo senz’altro.

Di seguito la delibera della vergogna.

***************************************************

Quelle che mi lasciano perplesso, son le motivazioni "al fine di ovviare ad inutili quanto ingiustificate incomprensioni". Il solito modo di Vito Bono per tirarsi fuori dalle beghe. Le ingiustificate ed inutili incomprensioni in città le hanno create il capogruppo del PD ed i comunisti come lui. Quindi Vito Bono ci ha rimesso la faccia, per non rimetterci la comoda e succulenta poltrona di sindaco, come un  moralmente piccolo politico della compagnia che lo sostiene aveva più volte minacciato di fare. Questi comunisti mascherati da agnelli sono peggio dei lupi, non perdono nè il pelo e nè il vizio.

Pino Marinelli

 

 

 

 

 

 

***********************************************

 

****************************************************

 

**************************************************

 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 24 Dicembre 2010 18:41)

 
AddThis Social Bookmark Button

Con il colore rosa shocking, quello preferito dalla giunta Bono, commentiamo l'epitaffio scritto sulla lapide tombale messa dalla coppia Ferrara-Brunetto (cambiando l'ordine degli addendi il prodotto non cambia) sulla partecipazione dei minicarri al Carnevale di Sciacca.

Non essendoci soldi (sai che notizia !) la premiata coppia (di cosa, preferiamo non dirlo per evitare querele) Brunetto-Ferrara (MPA), ha comunicato alla stampa l'eleminazione dei minicarri dal Carnevale 2011 per i seguenti 2 motivi: il primo la scarsità dei fondi ed il secondo per evitare lo "scanazzo" che fa fare brutta figura al carnevale e quindi i due minicarri che avevano presentato domanda venivano esclusi, mentre si confermava la presenza di 7 carri di categoria A.

Non volendo contestare il primo (perchè sappiamo che i soldi per altre amenità oltre che ai loro stipendi ci sono), contestiamo subito il secondo, perche se scanazzo c'è stato  è sempre stato dovuto alla pessima gestione del carnevale e dalla totale incompetenza del "figlio d'arte" 25enne al quale chissà per quali occulti meriti è stato affidata parte e tutta la gestione del carnevale e dal pressapochismo degli assessori in carica e del disinteresse degli Enti finanziatori.

Questa era la situazione fino a qualche giorno fa. Ieri  8 dicembre 2010 mi sono giunte notizie che, ferma restando l'esclusione dei minicarri dal prossimo carnevale, il numero dei carri è salito ad 8 e si profila anche l'iscrizione di un 9° carro.

A questo punto è il caso davvero di "incazzarsi". Ma è possibile che i Saccensi debbano sempre essere presi per il culo da questa specie di amministratori ???? Perciò, i soldi per i minicarri non ci sono, ma subito dopo si trovano quelli per un'altro carro e quasi certamente per un'altro ancora.

Cosa dobbiamo pensare ??? Che i soldi ci sono solo per chi volete voi ?Chi sono questi protetti ???? Che razza di gente gestisce il Comune? Dov'è il Sindaco che dovrebbe garantire tutti i cittadini ????

Purtroppo i "ragazzi" dei minicarri non hanno protettori politici e quindi dovranno abbozzare, ma spero si ricordino di questi "signori" alle prossime elezioni, trombandoli.

Si potrebbero chiedere le dimissioni di Brunetto e Ferrara, ma con il mastice Marca "Stipendio sicuro per altri 3 anni e mezzo" che tiene insieme 6 liste ed il piano regolatore da approvare che interessa l'arch. Ferrara, c'è poco da fare.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 16 Dicembre 2010 08:24)

 
Altri articoli...
Chi è online
 14 visitatori online